Parole che nutrono

aLe storie nutrono.

Libri, romanzi, racconti, fiabe soddisfano un bisogno primario che non è così lontano da quello nutritivo. Si potrebbe dire, due forme di oralità che rispondono ad esigenze di sopravvivenza comuni, seppur apparentemente diverse. Quante volte ascoltando o leggendo una storia usiamo termini legati all’alimentazione? Una storia si divora, si assaggia poco alla volta, si assapora, si gusta fino in fondo o magari ci lascia con l’amaro in bocca.  Continue reading

MANGIARE COME… AMARE, COMUNICARE, STARE INSIEME

Quando si parla di cibo non si può dimenticare la natura profondamente relazionale dell’alimentazione. Fin dall’antichità e in tutte le culture del mondo il cibo non è mai stato considerato esclusivamente in una prospettiva nutrizionale, cioè come semplice strumento di sopravvivenza.

Al contrario, al cibo si ricollegano complessi significati simbolici, valori ed ideologie elaborate. Basti pensare a come il cibo si presenti nelle diverse religioni, sotto forma di simbolo ritualizzato nelle cerimonie, o nelle fiabe e nelle festività Continue reading

Al Salone del Gusto di Torino!

salone-del-gustoIl 25 ottobre 2014 sarò presente al Salone Internazionale del Gusto di Torino per partecipare in qualità di relatore alla conferenza “I disturbi del comportamento alimentare in età evolutiva: la consulenza pedagogica nella cura e nella prevenzione“.Il mio intervento, intitolato “Le radici dei disturbi del comportamento alimentare e il ruolo della relazione educativa”, è orientato a proporre una riflessione pedagogica sul tema dei Disturbi del Comportamento Alimentare. La relazione educativa rappresenta infatti uno strumento di lavoro fondamentale in questo genere di problematiche, in quanto consente di ricollocare al centro dell’intervento la persona nella sua completezza e di ragionare in una prospettiva di empowerment, attenta alle potenzialità residue, manifeste e latenti del soggetto.

Il programma completo è consultabile al seguente link: SaloneGustoTorino25ott

Bibliografia:

Antonella Bastone (2009), La relazione educativa nella cura dei disturbi alimentari. Il ruolo di genitori, insegnanti,educatori e massmedia, Edizioni La Rondine

Dall’anoressia all’apporessia…quando le applicazioni informatiche diventano complici dei DCA

Questo curioso termine (che non ha certo alcuna valenza nosografica scientifica) ha cominciato di recente a circolare, prevalentemente in rete, e a diffondersi nella terminologia di chi si occupa di disturbi del comportamento alimentare.
Come facilmente intuibile, sta a indicare un fenomeno di recentissima diffusione tra coloro che hanno necessità di controllare il proprio peso corporeo, ma che, ahimè, rischia di diventare una pericolosa forma di dipendenza tecnologica tra chi del controllo del peso ha fatto la propria ragione di vita. Continue reading

ANORESSIA, BULIMIA E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE : Come intervenire quando il cibo è un problema?

La relazione educativa nella cura dei disturbi alimentari il ruolo di genitori, insegnanti, educatori e massmedia di Antonella Bastone, Edizioni La Rondine, Catanzaro (2009)

L’obiettivo del testo è rilevare il ruolo e la funzione dell’intervento educativo su un tema – quello dei disturbi alimentari – ampiamente trattato dalla psicologia e dalla psichiatria, in una prospettiva tradizionalmente sanitaria, ma su cui la pedagogia avrebbe molto da dire. In particolare, la riflessione verte sulle modalità e prassi per la definizione di “buone pratiche educative” (dalla comprensione del significato dei sintomi, alla definizione degli obiettivi educativi, all’orientamento a servizi specializzati).

Il testo raccoglie i risultati di alcune ricerche condotte in alcuni servizi specializzati nella cura dei DCA del territorio piemontese. Viene affrontato anche il tema dei massmedia, della televisione e, in particolare, ai siti internet pro-anoressia, una drammatica realtà di questi ultimi anni, in quanto sostengono l’anoressia come filosofia di vita e che certamente pongono non facili interrogativi educativi

se ti interessa il libro, puoi contattare lautrice Continue reading

I siti internet pro – anoressia: quando l’anoressia diventa filosofia di vita

Fraccalvieri F. - installazione Infini.To (museo astronomia)

Foto di Fraccalvieri Fabio

Da diversi anni ormai, numerose ricerche si occupano di analizzare i siti Web riguardanti l’anoressia e i disturbi alimentari in genere e, all’interno di questi, hanno individuato centinaia di  siti cosiddetti “pro-anoressia”, ossia siti Internet che incoraggiano l’anoressia tra le adolescenti, trasformando così una pericolosa malattia psichiatrica, non solo in un’attuale e allettante tendenza per essere alla moda, ma in un vero e proprio movimento sociale. Continue reading